Ciao Italia

Ciao Italia ti saluto da un posto che non puoi immaginare

mi va un po’ troppo stretto il tuo stivale.

Ciao Italia paese del vattelappesca degli azzeccagarbugli dei deputati furbacchioni

nel marasma generale sono loro i veri campioni.

Ciao Italia saluto i tuoi mari così poco pescosi oramai

i tuoi mari di piombi e plastiche varie.

Ciao Italia saluto anche la tua ostile rivalità provinciale

il nord e il sud così diversi e così tanto uguali.

Ciao Italia saluto anche te e i tuoi monnezzari

i tombini piangono stracolmi di merda tricolore

e tu mai niente sai.

Ciao Italia, da dove sono, adesso, tu non mi puoi vedere

ma io vedo te

vedo nel tuo sotterraneo ripostiglio pieno zeppo di radioattività

saluto i tuoi terremoti così deboli, visti da lontano, da far morire sciami di persone.

Ciao Italia

che dire ancora

se un giorno ti sentirai triste avvilita e sola

tu guarda in alto

nel cielo stellato

e mi vedrai.

Io sono quello che se n’è andato.

Annunci

Un pensiero su “Ciao Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...