Deus meus, ex toto corde pænitet me ominium meorum peccatorum

images

Perdonatemi, Signore, perché ho peccato.

Perdonatemi, Padre Celeste, per aver ascoltato quello che non avrei dovuto ascoltare, per aver visto quello che non avrei dovuto vedere, per aver saputo quello che non avrei dovuto sapere, per aver detto quello che avrei dovuto tacere.

Deus meus, ex toto corde pænitet me ominium meorum peccatorum…

Perdonatemi, Signore perché ho peccato nel profondo del cuore,  impuro e imperfetto, camminando nel corridoio buio di una notte quando avrei dovuto essere nella cella tra  sogni e  preghiere. Accogliete la mia supplica, o Signore, abbiate pietà della Vostra umile figlia e serva. Abbiate pietà della mia vanità e della curiosità sguattera che fece fermare i miei passi in una sciagurata notte senza data.

Vi prego, perdonate queste orecchie che colsero dietro la porta gemiti e parole di lussuria. Perdonatele perché mi indussero ad arrestare i miei passi, in silenzio.

Invece di correre nella mia cella e pregare affinché Voi, nella Vostra immensa Misericordia, faceste cessare il peccato punendo gli empi,  mandandoli ad ardere in eterno tra le fiamme che lacerano le carni senza posa e tregua, senza pace e sollievo, in quell’eterno dolore che Voi – Voi! Padre Celeste-  offrite nella Vostra immensità a coloro che rifiutano la Vostra dolcezza, la Grazia, l’Amore infinito dello Spirito Santo, fino al Giorno del Giudizio Universale e anche oltre… anziché correre a supplicarVi di far cessare l’ abominio di lussuria, di estasi e  grida, io mi fermai.

La fessura tra le assi della porta della cella … Dio Mio, Padre  Santo, guardai, e ciò che vidi mi riempì l’anima e gli occhi di calore. Dentro.

I corpi senza vesti ,  uniti e lascivi. Corrotti e bellissimi, sotto l’effigie di Nostro Signore morente per mondare i peccati dell’Umanità. Il calore mi saliva da dentro, il peccato e il rossore. È sbagliato Mio Dio, è sporco e sbagliato!

Strappatemi le membra con il cilicio e la preghiera, flagellatemi il corpo, rendetemi la  purezza perduta, Mio Dio! Voi in persona, scendete dall’alto dei cieli fino al buio di questa cella fredda e punitemi, io Vi supplico. Perché se non lo farete, allora il peccato sarà entrato in me come scabbia, e il serpente avrà vinto.

… eaque detestor, quia peccando, non solum pœnas a te iuste statutas promeritus sum…

Rimasi immobile. Senza respiro. Complice. Li guardai senza sbattere le palpebre.

Ma io non sapevo, Signore, non sapevo nulla, Vi giuro su ciò che ho di più caro, lo giuro su Voi!

Come avrei potuto sapere io, nata per essere Vostra sposa eterna nella purezza dell’Amore celeste?

Come?  Qualcuno mi dica come avrei potuto sapere, resistere all’incanto della carnalità santa e blasfema, a quei volti trasfigurati dall’estasi proprio come i Santi quando contemplano il Vostro Sacro  volto?  Non era come quando ho osservato gli accoppiamenti tra i cani randagi o tra il verro e la scrofa. Era diverso, lurido e sacro al contempo.

E tornai alla fine nella mia cella a pregare con le mani e i pensieri, implorando e piangendo, trionfante.

Perdonatemi, Signore, perché ho peccato.

…Sed præsertim quia offendi te, summum bonum, ac dignitum qui super omina diligaris…

Il seme…

Il seme  della corruzione era affondato profondo in me, mio Signore. Un parassita, gramigna che infesta i prati fecondi e li uccide, soffocando i frutti con le sterpaglie inutili e sterili.

Non ho resistito alla tentazione della vendetta, al potere della conoscenza. Mi avete sottoposta a una prova, Signore, Mio Amato, e ho fallito.

Mi trattò male, fu cosa futile, cosa da nulla. Avrei dovuto dimenticare e perdonare, non ergermi a giudice e minacciare. Non avrei dovuto, Signore, lo so. Ho peccato di arroganza e lussuria. Ma non è colpa mia, Padre, non lo è. Aiutatemi, aiutatemi Voi, Vi supplico, a non peccare più.

Ideo firmiter propono, adiuvante gratia tua, de cetero me non peccaturum peccandique occasiones proximas fugiturum.

Padre Nostro, non ci sarà, una prossima volta.

Amen

 

 

 

Annunci

6 pensieri su “Deus meus, ex toto corde pænitet me ominium meorum peccatorum

  1. Bella idea! Ho apprezzato molto le parti in latino, mi lasciano immaginare la scena in una sala preghiera, dove le parti non in corsivo rappresentano i pensieri della protagonista, mentre quelle in corsivo sono le frasi ripetute in coro.
    Però, all’infuori della mia immaginazione, ho trovato molto interessante la tensione con cui il testo cerca di tenere assieme le due facce della stessa medaglia, sacro e profano,
    così come mi è piaciuto il realismo di tutta la storia: la complessità con cui la protagonista affronta la sua “debolezza” è davvero ben studiata e per me è davvero notevole il modo in cui sei riuscita a immaginarla e a rappresentarla al lettore.
    Davvero brava!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...