Una guerra

Ho voluto imparare la solitudine

 

l’autonomia interiore anche se a giorni

mi trovo riverso a mani nude

a un grido contro il cielo

quando trema la terra

 

a fare i conti con le capriole

indurito e graffiato come un nocciolo di pesca

Eppure l’ho cercata, come l’eroe il suo scudo

la sua spada

 

l’ho cercata come chiedo riposo al cielo aperto

da questa poesia

 

Un monologo in cui vedo,

vedo se bene chiudo gli occhi

farsi l’alba.

 

Fabio Barone

Annunci

7 pensieri su “Una guerra

  1. E’ un testo molto forte emotivamente, almeno su di me ha avuto un grande impatto. Non è facile fare l’analisi metrica (credo sia voluto, visto il tema: in solitudine ognuno di noi può parlare senza feni), ma la prima strofa ha una struttura interessante: due endecasillabi (il primo sdrucciolo), un novenario e due senari. Ne prendo nota se in futuro scriverò una poesia con una struttura nuova, quindi grazie! 😉

    Mi piace

    1. Grazie Cecilia 🙂
      Sì, è un testo emotivamente forte e sentito (anche dal titolo immagino possa intuirsi). È una riflessione e presa di coscienza di quanto il percorso di auto-consapevolezza (autonomia interiore) sia tortuoso, ma allo stesso tempo appagante quando si riesce a trovare la chiave.
      Come dire – cito due versi di una collega – «La felicità è stare bene nella propria pelle. Se sei felice, starai bene sia in mezzo agli altri sia nonostante gli altri.» 😉

      Per gli spunti riguardo la metrica, tu sei più attenta di me 🙂

      Piace a 1 persona

    1. Se fosse tranquilla sarebbe piatta e sono sicura che ci lamenteremmo lo stesso… Se vivere significa crescere, ben vengano i conflitti in noi stessi (che fanno male solo finchè durano XD). 🙂

      Piace a 2 people

  2. Ben vengano i problemi, gli schiaffi, le domande fastidiose che richiedono un’introspezione profonda, insomma i conflitti, se questo vuol dire affrontarli e crescere.
    Poi, come affermi giustamente anche tu Marco, il punto sta’ nel conoscersi e imparare anche a riconoscere le strade meno difficili; ma una cosa certa è che quelle difficili, se affrontate, ti aiutano a crescere perché stimolano in modo diverso la reazione che dobbiamo avere nei loro confronti 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...